Andare in America in inverno: I parchi da visitare

La maggior parte della gente sceglie di visitare gli Stati Uniti in estate. Questo perché il clima è senza dubbio molto più favorevole e permette di visitare città e parchi senza dover sottostare ai freddi, spesso piuttosto rigidi, di questi Stati. Per un motivo o per un altro molta gente ha bisogno di visitare l’America in bassa stagione, per esempio per poter cogliere delle occasioni low cost oppure, perché si è appassionati degli sport invernali.

In ogni caso, con l’articolo di oggi, voglio aiutarvi a organizzare un bellissimo tour nei parchi americani durante la stagione invernale. Andare in America in inverno infatti è possibile, la cosa importante come sempre è organizzare bene il viaggio.

 

Consigli per organizzare un viaggio in inverno tra i parchi degli USA

Sicuramente è molto più semplice organizzarlo in estate, quando il clima è buono ed occorrono poche precauzioni. Se scegliete di partire tra dicembre e marzo le cose cambiano. Da una parte perché molti di questi parchi potrebbero essere coperti di neve e dall’altra perché il freddo è piuttosto rigido e questo comporta il dover scegliere un abbigliamento adeguato. Non basta una felpa per resistere bene a una notte nello Yellowstone.

Perciò prima di tutto occorre studiare bene il percorso, ricordando che da uno stato all’altro il freddo può essere più o meno intenso a causa del clima più o meno continentale. Occorre quindi acquistare una serie di capi d’abbigliamento adatti ai posti dove andiamo.

Considerando poi che serve un’automobile per questo genere di viaggio, sono fondamentali tanto le gomme termiche quanto le catene da neve, quest’ultime tra l’altro sono obbligatorie per legge.

 

Clima in base al posto

Ovest: nella zona ovest degli Stati Uniti il clima è di tipo continentale. Gli inverni sono piuttosto freddi. Per esempio in Arizona l’inverno le temperature scendono pericolosamente ed è possibile che vi siano nevicate molto forti.

Sud-Ovest: qui troviamo una grande varietà climatica. Dove ci sono le Montagne Rocciose inevitabilmente il clima è continentale, perciò gli inverni sono molto freddi. Se andiamo per esempio nel sud della California gli inverni sono senza dubbio molto più miti. La pioggia è abbastanza frequente tra dicembre e marzo e per esempio a San Francisco succede che la nebbia è una costante quasi.

Sud-Est: quasi tutti gli Stati del sud-est godono un clima abbastanza buono anche in inverno, ma in Florida c’è da valutare un clima praticamente subtropicale. Le temperature medie massime a dicembre sono 24 gradi, mentre le minime di 19 gradi.

Nord-Est: gli stati che puntano sulla costa orientale hanno inverni gelidi. Quelli che puntano sul sud climi tropicali. Pensiamo a New York, con un clima invernale molto duro da sopportare e delle estate che invece sono torride.

Nord-Ovest: per quanto riguarda questa zona degli Stati Uniti, gli inverni sono freddi ma comunque un po’ più miti. Inoltre piove molto.

 

Andare in America in inverno, i parchi da visitare

Yosemite national park

  1. Yosemite: Partiamo dallo Yosemite, uno dei parchi più belli da vedere in inverno. Si trova nello stato della California, nelle montagne del Sierra Nevada. Tuttavia però è difficile da raggiungere tra dicembre e marzo a causa delle principali strade d’accesso che risultano chiuse dalla neve. Se volete però lanciarvi in uqesta avventura, vi ricordo che la meta più amata in inverno nello Yosemite è il Badger Pass, dove è possibile seguire diversi percorsi invernali sciistici. Potete anche scegliere il viaggio turistico in navetta.
  2. Sequoia National Park: anche questo secondo parco si trova nello stato della California ed è localizzato nella zona Sud del Sierra Nevada. Chi non riesce ad arrivare nello Yosemite, spesso sceglie di dirottare il viaggio verso questo parco, caratterizzato dalla presenza delle sequoie innevate. Ugualmente non è da pensare che sia così facile da raggiungere, può essere anche alcune strade sono ugualmente chiuse. E’ da fare questo viaggio con la massima attenzione perché i sentieri innevati tra le sequoie sono considerati piuttosto pericolosi.
  3. Grand Canyon: si trova in Arizona ed è una formazione naturale di rocce rosse con una storia di milioni di anni. Raggiunge 10 miglia di diamentro, 277 miglia di lunghezza e 1 di profondità. Comprende il fiume Colorado e diverse rapide. Inutile dire che in inverno è piuttosto complicato riuscire a visitarlo a causa del freddo intenso e dei sentieri difficili da percorrere. Il panorama comunque è da togliere il fiato. Ovviamente occorre fare la massima attenzione su quei percorsi lungo il crinale. In questo periodo dell’anno è possibile visitare l’Hremit Road anche in automobile, per tutto il resto dell’anno invece solo con lo shuttle che viene fornito dal parco.
  4. Parco Yellowstone: un’area naturale di ben 9000 km quadrati che si estende quasi completamente nel Wyoming, però tocca anche il Montana e l’Idaho. E’ il parco più visitato degli Stati Uniti per via dei suoi canyon, i fiumi, le foreste, i geyser attivi, le sorgenti termali e i centinaia di animali che è possibile vedere liberi in natura. Inoltre è aperto 24 ore su 24. In inverno però non sono poche le restrizioni, specialmente se volete visitarlo in autonomia. Da novembre fino a metà aprile infatti non è possibile circolare in auto, ma solo con una motoslitta o uno snowcoach guidato. Ciò non deve demoralizzarvi. Sono molte le persone che decidono di visitare il parco Yellowstone proprio durante il periodo invernale, questo per via degli itinerari sciistici e la possibilità di effettuare tutta la visita in motoslitta.

Questi quattro parchi ovviamente non sono gli unici che potete visitare negli Stati Uniti. Potete organizzare un tour molto più ampio, specialmente se volete fermarvi alcune settimane negli USA durante l’inverno. Qualsiasi siano le tappe e il periodo durante il quale alla fine scegliete di partire, vi ricordo che dovete assolutamente fare un’assicurazione sanitaria per evitare qualsiasi tipo di problema se avrete bisogno di cure sanitarie. Vi ricordo che l’America ha una sanità privata e se non avete stipulato nessuna assicurazione dovete pagare di tasca vostra conti molto salati.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *