indiani d'america usi e costumi

Indiani d’America: chi sono, costumi e tradizioni

Chi sono veramente gli antichi abitanti del “Nuovo Continente”? Gli antenati dei nativi americani arrivarono in quelli che oggi sono gli Stati Uniti almeno 15.000 anni fa, forse molto prima, dall’Asia attraverso la Beringia, sviluppando un’ampia varietà di popoli, società e culture.

La colonizzazione europea delle Americhe, iniziata nel 1492, ha provocato un rapido declino della popolazione dei nativi americani a causa di nuove malattie verso le quali non avevano alcuna immunità, pulizia etnica e schiavitù.

Dopo la sua formazione, gli Stati Uniti, come parte della loro politica coloniale, ha continuato a perpetrare massacri nei confronti di molti popoli nativi americani, espropriati dalle loro terre ancestrali, e sottoposti a trattati unilaterali e alle politiche di governo discriminatorie.

Oggi esistono 574 tribù riconosciute a livello federale che vivono negli Stati Uniti, circa la metà delle quali sono associate alle riserve indiane.

Storia: perché i nativi americani venivano chiamati indiani? 

Quando Cristoforo Colombo sbarcò a Guanahani (Bahamas) il 12 ottobre 1492 , pensava di essere arrivato in India. Il navigatore era partito due mesi e nove giorni prima da Puerto de Santa María, in Spagna, alla ricerca di una nuova rotta per l’India attraversando l’oceano.

Fu solo 15 anni dopo che i nuovi colonizzatori scoprirono che queste terre, dove né oro né spezie erano abbondanti, non erano l’India, ma piuttosto un altro continente che chiamarono America. Ecco spiegato perché, durante il primo contatto con gli indigeni americani, i colonizzatori li chiamarono indiani.

Usanze degli indiani d’America 

Gli indiani d’America sono generalmente noti per avere lo spirito dei guerrieri, essere buoni cacciatori e avere un grande rispetto per la natura. Tuttavia, i loro costumi e le loro lingue sono molto diversi tra le varie tribù.

Si calcola che quando gli europei arrivarono in Nord America, ci fossero più di 300 diverse lingue indigene tra le tribù. Di queste, più della metà sono scomparse e alcune di quelle di sopravvissute sono a rischio di estinzione.

Una delle usanze degli indiani d’America più popolari sono i balli di gruppo, rituali che vengono eseguiti per una varietà di scopi, in primis per chiedere prosperità a madre natura. Le danze includono la danza del bisonte, la danza della pioggia o la famosa danza del sole, propiziatoria per la salute della tribù. I capi tribù dirigevano la vita religiosa e svolgevano diversi riti e cerimonie, alcuni dei quali includevano il digiuno e le offerte.

Un’altra delle usanze più importanti è pow-wow, ovvero il raduno delle tribù native del nord America, che si tiene ancora oggi.

Come le loro usanze, l’abbigliamento di ogni tribù era diverso. In generale, gli uomini indossavano calzoni e si proteggevano dal freddo con pantaloni e pelle di cervo e bisonte. Da parte loro, le donne tendevano a indossare abiti di pelle e vesti lunghe fino ai piedi. Per gli atti cerimoniali, alcune tribù indossano tuniche speciali decorate con piume, pelle di animali e molti altri accessori e decorazioni.

Indiani d’America: religioni e credenze

La religione e le credenze spirituali dei nativi americani hanno svolto un ruolo importante nella loro vita quotidiana. Ogni tribù e popolo aveva un proprio sistema di credenze, leggende e rituali unici, tutti accomunati da un grande animismo.

I nativi americani del Pacifico nord-occidentale credevano che tutti gli esseri viventi fossero sorvegliati dagli spiriti guardiani. Ciò includeva animali, alberi, persone e persino alcuni oggetti inanimati come il vento, le tempeste e l’acqua. Il Grande Spirito era un essere supremo che vegliava su tutto, inclusi gli altri spiriti del mondo. Poteva assumere forme diverse a seconda della tribù: il popolo Blackfoot credeva nel “Vecchio”, artefice di tutte le cose e origine della saggezza spirituale.

Alcune tribù indiane negli Stati Uniti sudorientali credevano nei “tre mondi” tra cui il mondo superiore, il mondo inferiore e questo mondo. Il mondo superiore era considerato perfetto e puro. Il mondo inferiore era spaventoso e caotico. Tra i due c’era questo mondo in cui l’uomo viveva. Gli spiriti erano in grado di viaggiare tra i diversi mondi e l’uomo era responsabile del mantenimento dell’equilibrio tra i tre mondi.

Per avvicinarsi agli spiriti, alcuni uomini cercavano di procurarsi allucinazioni assumendo droghe, digiunando, restando da soli nel deserto o infliggendo ferite ai loro corpi. Alla fine, speravano di ottenere una visione dagli spiriti che li avrebbe guidati o aiutati a prendere un’importante decisione sulla vita.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *